Donne/ Al via campagna spot Governo contro pubblicità  ‘avvilenti’

Donne/ Al via campagna spot Governo contro pubblicità  ‘avvilenti’

Carfagna rimbrotta cronista ‘Unità ‘: Non rinnego foto calendario

Roma, 26 gen. (TMNews) – Via gli spot che usano “in modo distorto e avvilente l’immagine femminile”. E’ la nuova campagna di cui si fa paladina il ministro per le Pari opportunità , Mara Carfagna, che a Palazzo Chigi presenta un protocollo d’intesa firmato con il presidente dell’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria Giorgio Floridia, che ha proprio l’obiettivo di “favorire e rafforzare ulteriormente l’applicazione del divieto di utilizzare l’immagine della donna in modo offensivo o discriminatorio o tale da incitare la violenza sulle donne”.

Un tema che nei giorni caldi delle polemiche sul ‘caso Ruby’ spinge Carfagna ad augurarsi che “ora nessuno strumentalizzi a piccoli scopi politici” questa campagna: “Ho anche pensato di rinviare la firma ad un momento più tranquillo, quando questo caso si sarà  sgonfiato… Ma noi rispondiamo al fango e alle millanterie coi fatti, il governo va avanti”.

L’argomento, però, si presta. Così, alla cronista dell”Unità ‘ che le rivolge una domanda legata proprio al contesto dell’inchiesta di Milano sulle feste ad Arcore, Carfagna ribatte richiamando la campagna pubblicitaria con cui è stato lanciato il nuovo formato, una donna in minigonna: “Lei scrive per un giornale che senza esitazione ha usato il corpo di una donna per farsi pubblicità …”. E quando la giornalista le ricorda il calendario di cui è stata protagonista, la ‘ministra’ risponde: “Non ho mai rinnegato le foto che ho fatto e che risalgono a 12 anni fa”.

Arc

261254 gen 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi