Editoria/ Feltrinelli diventa socio Donzelli con quota del 20%

Condividi

Editoria/ Feltrinelli diventa socio Donzelli con quota del 20%

Azionisti storici al 51%. Accordo su distribuzione e longseller

Roma, 26 gen. (TMNews) – Alleanza tra Feltrinelli e Donzelli, con il gruppo milanese che acquisisce una quota del 20% nel capitale della casa editrice romana. Feltrinelli infatti, attraverso la capofila Effe2005, ha sottoscritto una nuova quota del 20%, mentre il gruppo storico dei soci raccolti intorno al fondatore, Carmine Donzelli, ha rafforzato la propria quota mantenendo il controllo della società  col 51%.

L’accordo quadro prevede che la Donzelli “fruisca dei servizi di distribuzione, promozione e magazzino offerti da Pde (la società  di distribuzione e di promozione editoriale di Feltrinelli) e che si realizzi il passaggio di alcuni dei longseller più significativi del catalogo Donzelli nelle collane tascabili di Feltrinelli”.

La gestione della casa editrice romana continuerà  a far capo a Carmine Donzelli e all’attuale gruppo dirigente, mentre due rappresentanti di Feltrinelli entreranno a far parte del Cda.

(segue)

Glv

261436 gen 11

Editoria/ Feltrinelli diventa socio Donzelli con quota … -2-
Per casa editrice romana 1.200 titoli e conto economico positivo

Roma, 26 gen. (TMNews) – Per la Donzelli, con un catalogo di 1.200 titoli e un conto economico positivo (crescita media intorno al 10% all’anno negli ultimi cinque anni), questo accordo rappresenta “una importante opportunità “.

“Abbiamo la soddisfazione – afferma l’amministratore delegato Carmine Donzelli – di aver saputo difendere in tutti questi anni l’autonomia e l’equilibrio d’impresa, coniugandoli con la qualità  e la reputazione del nostro catalogo: sono gli stessi obiettivi che continueremo a perseguire in futuro, e che l’alleanza con Feltrinelli ci permetterà  di accrescere e rafforzare”.

“Alla sua base – sottolinea Donzelli – c’è naturalmente anche l’attenzione verso le affinità  intellettuali che ci legano. Nel caso di Feltrinelli e di Donzelli, è sicuro che c’è una sensibilità  culturale fortemente condivisa. Il nostro caso, insomma, rappresenta un buon messaggio nella bottiglia: anche i piccoli possono crescere, senza necessariamente farsi assorbire.
È un segnale di fiducia – aggiunge – per un mondo come quello del libro, che sta vivendo un momento di forti sfide e di grandi trasformazioni”.

Per il gruppo milanese, evidenzia poi il numero uno Carlo Feltrinelli, “l’operazione con Donzelli rientra in un contesto di sviluppo di un network nazionale e internazionale di editori di qualità  e affini culturalmente, che possano operare sul mercato in modo coordinato e sinergico, garantendo a ogni editore la massima autonomia editoriale, ma nel contempo permettendo il perseguimento di sinergie di tipo distributivo e industriale”.

Glv

261445 gen 11