DIGITALE TERRESTRE: UMBRIA DICE NO A PENALIZZAZIONE COMPARTO

Condividi

DIGITALE TERRESTRE: UMBRIA DICE NO A PENALIZZAZIONE COMPARTO
(AGI) – Perugia, 31 gen. – “Il passaggio al digitale terrestre deve rappresentare un’opportunita’ di crescita per le emittenti televisive locali e per il pluralismo dell’informazione”. E’ quanto sottolinea l’assessore regionale alle infrastrutture tecnologiche immateriali, Stefano Vinti, rendendo noto che la Regione Umbria sara’ presente all’iniziativa ‘Le tv locali per il pluralismo e la liberta’ d’impresa’, organizzata dall’organizzazione di categoria Aeranti-Corallo e dalla Frt, che si terra’ domani a Roma, alla Residenza di Ripetta. “L’obiettivo dell’incontro promosso dalle associazioni di categoria delle emittenti private italiane – spiega Vinti – e’ quello di rappresentare la protesta delle imprese televisive locali contro le recenti norme che penalizzano il comparto, cancellando il pluralismo e la liberta’ di impresa nel settore televisivo. La transizione al digitale terrestre televisivo avrebbe dovuto, tra l’altro, favorire lo sviluppo del pluralismo e della concorrenza nel settore, consentendo il superamento del sistema oligopolista che ha caratterizzato la fase delle trasmissioni analogiche. In realta’, nell’attuale situazione, le imprese televisive locali non hanno alcuno spazio di sviluppo e, conseguentemente, stanno rischiando il definitivo tracollo”. “Per questo – conclude l’assessore Vinti – la Regione Umbria partecipera’ all’iniziativa rendendosi disponibile per tutte le iniziative utili a garantire che il passaggio al digitale terrestre sia un’opportunita’ di crescita delle emittenti radiotelevisive locali e del pluralismo dell’informazione”.(AGI) Pg2/Sep