GOOGLE: MOTORE RICERCA PENALIZZERA’ SITI SCADENTI O FUTILI

GOOGLE: MOTORE RICERCA PENALIZZERA’ SITI SCADENTI O FUTILI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 FEB – Valorizzare nei risultati di ricerca i siti web di qualità  e penalizzare quelli con contenuti futili o meno originali: è questo l’obiettivo di Google che ha annunciato di aver introdotto un “importante miglioramento” dell’algoritmo, ovvero l’insieme di calcoli, alla base del suo motore online. “L’aggiornamento – si legge sul blog di Mountain View – è pensato per ridurre il ranking, ovvero la visibilità  nei risultati di ricerca, dei siti di bassa qualità , quelli che hanno pochi contenuti di valore aggiunto per gli internauti o ad esempio con notizie fotocopia di altri. Allo stesso tempo saranno ‘premiati’ i siti Internet di qualità , quelli con informazioni originali, analisi e approfondimenti”. Una novità , aggiunge Google, che interesserà  circa il 12% dei risultati delle ricerche e per ora è attiva per la versione Usa del motore, anche se verrà  presto estesa agli altri Paesi. L’obiettivo, anche se non dichiarato esplicitamente, sembra quello di colpire i cosiddetti ‘content farm’, paragonabili allo spam della posta elettronica, siti web che pubblicano migliaia di contenuti al giorno col solo scopo di apparire più in cima possibile nei risultati di Google. L’aggiornamento dell’algoritmo, precisa Mountain View, non si basa sull’opzione introdotta la scorsa settimana sul suo browser Chrome e che consente agli utenti di bloccare siti ritenuti futili. Tuttavia, rileva l’azienda, i siti penalizzati dal nuovo algoritmo coincidono per l’84% con quelli ‘segnalati’ dagli internauti. (ANSA).
Y14-VC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)