GOOGLE: ‘BLACKOUT’ POSTA GMAIL, AL LAVORO PER RIPRISTINARLA

GOOGLE: ‘BLACKOUT’ POSTA GMAIL, AL LAVORO PER RIPRISTINARLA
IL PROBLEMA DOVREBBE ESSERE RISOLTO NELLE PROSSIME 10 ORE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 1 MAR – Da quando tutte le nostre informazioni personali sono memorizzate su internet, pochissimi pensano di fare una copia di sicurezza delle proprie email. E’ stato quindi un brutto risveglio quello di alcuni utenti di Gmail, il servizio di posta elettronica di Google, che ieri all’improvviso si sono trovati la propria casella completamente svuotata. L’azienda di Mountain View si è subito messa al lavoro per ripristinare il materiale e al momento, spiega Google Italia, l’accesso è stato ripristinato per molti degli utenti interessati. Il problema, spiega ‘Big G’, ha riguardato lo 0,02% del totale degli utenti Gmail. Sul proprio blog, l’azienda rassicura i suoi utenti dicendo che “la buona notizia è che nessuna di quelle email è andata perduta”, e che “stiamo facendo ottimi progressi, e le cose dovrebbero presto tornare alla normalità  per tutti”. La provvisoria cancellazione delle email sarebbe avvenuta a causa di un ‘bug’, ovvero di un errore nel codice informatico che gestisce il servizio, causato dall’aggiornamento del sistema. Nonostante Google conservi copie protette di tutti i dati degli utenti, proprio per scongiurare cancellazioni accidentali, il ‘bug’ – si legge sul blog di Google – avrebbe cancellato proprio alcune di queste copie rendendo inaccessibile la posta elettronica di diversi account. Il problema, concludono da Mountain View, dovrebbe risolversi completamente entro le prossime 10 ore.(ANSA).
KXP/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)