PROGETTO “WI-FI” BOLOGNA, DA COMITATO MEROLA PRIME 30 ANTENNE

PROGETTO “WI-FI” BOLOGNA, DA COMITATO MEROLA PRIME 30 ANTENNE
(AGI) – Bologna, 4 mar. – Il Comitato “Virginio Merola sindaco”, in collaborazione con i circoli del Pd di Bologna e con il supporto tecnico della Associazione Green Geek, installera’ le prime 30 antenne che permetteranno l’avvio della “nuvola Wi-Fi gratuita” di Bologna. Il primo “Hot Spot” sara’ collocato presso la nuova sede del Comitato Merola in via Val d’Aposa 3/b, che verra’ inaugurata domani pomeriggio dal candidato sindaco del centro sinistra. Entro il 20 marzo anche i circoli Pd del centro storico saranno connessi, e ad essi seguiranno quelli della prima fascia all’esterno dei Viali. Il costo dell’iniziativa e’ pari a 6.000 Euro, coperti per meta’ dal PD di Bologna, che mettera’ a disposizione anche il supporto logistico e le connessioni dei circoli PD (partendo dal centro storico), e per meta’ dal Comitato Virginio Merola Sindaco Il progetto “Wi-Fi per Bologna” sara’ aperto alla collaborazione di associazioni, comitati di quartiere, negozi e aziende: anche i cittadini potranno contribuire alla campagna raccolta fondi che verra’ avviata nei prossimi giorni: “1 euro per andare sulla nuvola”. “E’ fondamentale realizzare in tutta Bologna un’ampia copertura Internet senza fili – spiega il candidato sindaco del centrosinistra – una citta’ senza periferie si costruisce anche cosi’, moltiplicando i punti di accesso alla rete nel centro storico tanto quanto nei quartieri popolari. E’ un tema – conclude – che ho gia’ portato alla ribalta durante la mia campagna delle primarie e oggi confermo che la ‘citta’ digitale’ e’ una delle priorita’ del mio progetto per Bologna”. (AGI) Ari/red

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)