EDITORIA: MEDIALAWS, IL DIRITTO DEI MEDIA VA ONLINE

EDITORIA: MEDIALAWS, IL DIRITTO DEI MEDIA VA ONLINE

ROMA (ITALPRESS) – Centocinquanta contributi e approfondimenti in meno di tre mesi, un comitato scientifico di decine tra giuristi, esperti e studiosi, corrispondenti esteri da oltre dieci Paesi.

Sono questi i numeri di www.medialaws.eu, il sito di “riflessione su iniziative legislative, evoluzioni (e involuzioni) giurisprudenziali e prassi applicative delle autorita’ di settore rilevanti per il diritto dei media” come si legge nell’introduzione all’iniziativa coordinata dal professor Oreste Pollicino, docente di Diritto comparato dei media all’Universita’ Bocconi. Al suo fianco altri due accademici, Giovanni Maria Riccio (Universita’ di Salerno, dove insegna diritto europeo e comparato della comunicazione) e Nicole Stremlau (Co-ordinator of the Programme in Comparative Media Law and Policy, University of Oxford), e il giornalista, comunicatore e blogger Lelio Alfonso.

Tra gli ultimi post, sempre analizzati in chiave comparata e internazionale, le normative ungherese e polacca su privacy e informazione e la “scalata” di Murdoch al sistema mediatico globale.

“Il nostro scopo – spiega il professor Pollicino – e’ quello di unire la tecnicita’ neutrale dell’analisi e dei commenti al valore dell’esperienza comparata, per alimentare quel circolo virtuoso di conoscenze comuni utili al progresso giuridico in ogni singolo Paese, specie in un settore delicato come quello dei media”.

Medialaws si avvale anche della collaborazione di un nutrito comitato redazionale e di numerosi commentatori esterni, interessati al dibattito che ruota intorno alle opportunita’ e alle problematiche delle nuove tecnologie in campo informativo e di diffusione culturale e sociale.

(ITALPRESS).

sat/com 15-Mar-11 12:00

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)