IPAD: ANALISTI,OGNI 10 TABLET COMPRATI 5 PORTATILI INVENDUTI

IPAD: ANALISTI,OGNI 10 TABLET COMPRATI 5 PORTATILI INVENDUTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 16 MAR – Con la seconda generazione di iPad e l’esercito di prodotti rivali in arrivo sul mercato, il 2011 vedrà  esplodere la moda dei tablet, e a farne le spese saranno i computer tradizionali. Ne sono convinti gli analisti di Canalys, secondo cui ogni dieci tavolette comprate quest’anno cinque pc portatili resteranno invenduti sugli scaffali. Stando alle previsioni, nel 2011 le vendite di tablet raggiungeranno i 52 milioni di unità  rispetto ai quasi 17 milioni dell’anno scorso. Il 75% del mercato sarà  in mano alla Apple, che in questi giorni sembra però trovarsi a fronteggiare un problema di scorte. Negli Stati Uniti, unico paese in cui è già  in vendita l’iPad 2, i tempi di consegna per gli ordini online sono passati a 4-5 settimane a fronte dei 2-3 giorni dello scorso venerdì. Lo slittamento, dovuto all’alta domanda, sta alimentando le indiscrezioni sul web circa un rinvio della messa in commercio del dispositivo negli altri paesi. Il successo dell’iPad e delle lavagnette rivali, tuttavia, non sarà  indolore. “I tablet stanno interrompendo il ciclo di sostituzione dei computer nei mercati avanzati, soprattutto in Europa e Nord America”, spiega l’analista di Canalys, Tim Coulling. In pratica si rinvia l’acquisto di un nuovo Pc per sostituire quello vecchio, potendo così destinare quel budget a un tablet. A pagare per l’interesse che i consumatori e le aziende nutrono verso i tablet saranno soprattutto i pc portatili tradizionali, i notebook, e i loro fratelli minori, i netbook, che negli ultimi anni hanno trainato il mercato. A fronte di un mercato dei Pc che quest’anno dovrebbe crescere del 14%, il segmento notebook aumenterà  infatti solo dell’8% arrivando a vendere 210 milioni di esemplari, mentre i netbook passeranno da 39 a 34 milioni di unità  vendute. (ANSA).
Y89-VC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)