INTERNET: PRESIDENTE UPA,COMUNICAZIONE ALLA SFIDA DIGITALE

INTERNET: PRESIDENTE UPA,COMUNICAZIONE ALLA SFIDA DIGITALE
DA MEDIA COME GLI SMARTPHONE NUOVE CHANCE DI SPOT MIRATI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 18 MAR – La vera sfida alla comunicazione pubblicitaria si sposta sempre più sul fronte digitale e online, in particolare gli smartphone sono un trampolino di lancio per avere inserzioni mirate senza spreco di risorse. Ne é convinto Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente degli Utenti Pubblicitari Associati (Upa), che spiega i vantaggi di nuove piattaforme pubblicitarie come iAd di Apple in un’intervista al Sole 24 Ore. “Prima di tutto una cifra – esordisce -: le applicazioni vendute finora sono 10 miliardi e da otto mesi negli Stati Uniti é iniziata la pubblicità  su iAd. Si apre un’applicazione e in basso compare un banner, che permette di entrare nella comunicazione pubblicitaria se si vuole. Non è invasiva ed è sempre correlata ai contenuti dell’applicazione”. Innumerevoli i vantaggi per gli inserzionisti: “L’esposizione media al giorno nei confronti delle applicazioni é di 30 minuti per gli smartphone, anche più per iPad, con un’esposizione media dedicata a un messaggio di circa un minuto. L’efficacia di questa pubblicità  è duplice – spiega -: da un lato perché correlata a una scelta sullo stile di vita, dall’altro perché comporta un’esposizione più lunga rispetto a quella che potrebbe essere sulla pagina di un quotidiano o uno spot televisivo, la cui durata è al massimo di 30 secondi. Tra iPhone, iPad e iPod, ci sono in circolazione già  125 milioni di apparecchi. Si tratta di un’audience importante non solo in termini numerici, ma anche altamente qualificata e con elevata capacità  di spesa”. (ANSA).
Y14-PNZ/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)