EDITORIA:POLILLO (AIE), GIUSTO NO AD ACCORDO GOOGLE-EDITORI

EDITORIA:POLILLO (AIE), GIUSTO NO AD ACCORDO GOOGLE-EDITORI
RICONOSCIUTO VALORE MODELLO EUROPEO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 MAR – Giusta la bocciatura dell’accordo Google-editori americani per l’Associazione Italiana Editori. “Soddisfazione per il principio sancito dalla sentenza americana e ampiamente condiviso da tutti gli editori europei. L’utilizzo delle opere dell’ingegno – sottolinea il presidente dell’Aie, Marco Polillo – deve essere preventivamente concordato con i titolari dei diritti d’autore, non si può, come prevedeva l’accordo di Google, prescindere dalla volontà  degli aventi diritto, riconoscendola solo a pubblicazione avvenuta”. “Questo – continua Polillo – non ha nulla a che vedere con il fermare il progresso tecnologico ma piuttosto con il garantire nuove regole per nuovi media evitando, come il giudice stesso sottolinea, i rischi di concentrazioni monopolistiche. In questo senso la sentenza del giudice Chin di fatto riconosce il valore del modello europeo, basato sul consenso esplicito degli aventi diritto. Nel farlo cita espressamente i rilievi presentati alla corte da Aie”. Il presidente dell’Aie sottolinea anche che “l’Europa per semplificare la gestione dei diritti in casi simili si è dotata di ARROW, un sistema sviluppato da un consorzio guidato dall’Aie, in grado di rintracciare efficacemente gli aventi diritto di ogni opera in ogni paese prima della digitalizzazione”.
CA/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)