Tecnologie/ Google, lo smartphone diventa “portafoglio virtuale”

Tecnologie/ Google, lo smartphone diventa “portafoglio virtuale”
Tramite la tecnologia Near Field Communication

Roma, 29 mar. (TMNews) – Google starebbe stringendo accordi commerciali con MasterCard e CitiGroup al fine di promuovere la tecnologia Near Field Communication (Nfs), che permette di usare lo smartphone come una carta di credito. Le due aziende dovrebbero offrire il supporto logistico e tecnico per la realizzazione del progetto e la diffusione del sistema. Secondo l’idea di Google, i sistemi di pagamento finora riservati alle carte di credito e i bancomat andrebbero ad integrarsi con un software dedicato presente nei telefonini con sistema operativo Android dotati di Nfs. In tal modo, avvicinando il dispositivo a un apposito lettore potrebbero essere effettuate transazioni, comunicando direttamente i dati dell’utente per permettere la spedizione dell’oggetto acquistato.

Lo smartphone, oltre che fare da “portafoglio virtuale”, potrebbe prestarsi anche a un uso pubblicitario, in quanto utilizzabile per far giungere a bersaglio pubblicità  localizzate (ad esempio d’uno specifico negozio al quale si passa davanti e che riconosce, mediante il sistema Nfs, che potreste essere interessati a qualche prodotto o offerta), oppure per ottenere informazioni aggiuntive su di un oggetto all’interno d’un negozio. In ballo ci sono però anche questioni di privacy (e sono già  in atto polemiche al riguardo), perché Google dovrebbe farsi anche tutore dei dati che vengono comunicati per portare a termine le transazioni.

Fus

291421 mar 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)