RUBY: FNSI-UNCI, “BAVAGLIO” VIETARE ACCESSO AULA A TV E FOTOGRAFI

RUBY: FNSI-UNCI, “BAVAGLIO” VIETARE ACCESSO AULA A TV E FOTOGRAFI
(AGI) – Roma, 1 apr. – L’Associazione Lombarda Giornalisti e il Gruppo Cronisti Lombardi, d’intesa con la Fnsi e l’Unci, “condannano” la decisione congiunta dell’Avvocato generale, Laura Bertole’ Viale, e del Procuratore generale, Manlio Minale, di vietare l’accesso a fotoreporter e cineoperatori nell’aula del Palazzo di Giustizia di Milano dove dal 6 aprile si svolgera’ il processo sul caso Ruby che vede imputato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per prostituzione minorile e concussione. “I motivi di sicurezza addotti per giustificare questo provvedimento, con cui viene revocata l’ordinanza favorevole alle riprese in precedenza firmata dal presidente del collegio giudicante, Giulia Turri, sono irricevibili – dice un comunicato sindacale -: e’ palese la volonta’ di negare la liberta’ dei cronisti di informare e quella dei cittadini di essere informati, diritti insopprimibili in uno Stato democratico. E’ incalcolabile il danno che questo oscuramento deciso dall’Avvocato generale e dal Procuratore generale provochera’ ai giornalisti, ai quali viene impedito di svolgere la loro attivita’: continua ad aleggiare il tentativo di mettere il bavaglio all’informazione. Un preoccupante precedente che fa venire meno la garanzia di una informazione trasparente, tempestiva e corretta. Il provvedimento di Bertole’ Viale e di Minale e’ l’aberrante conseguenza del divieto d’accesso a fotoreporter e cineoperatori imposto – dal Procuratore generale – all’inizio del 2011, decisione in parte rientrata dopo la minaccia degli esclusi di non partecipare all’inaugurazione dell’Anno giudiziario”. Associazione Lombarda Giornalisti e Gruppo Cronisti Lombardi, insieme alla Federazione della Stampa e all’Unione Nazionale Cronisti, “respingono questi insidiosi tentativi – dice ancora la nota – di tenere alla larga i cronisti in nome di presunti motivi di sicurezza o di privacy. Inoltre, facendosi garanti di una informazione libera da condizionamenti, invitano l’Avvocato generale e il Procuratore generale a revocare il grave provvedimento, che alimenta il clima intimidatorio in cui da tempo i giornalisti italiani sono costretti a lavorare”. (AGI) Vic

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi