Russia/ Fsb contro Skype, Hotmail e Gmail: pericolo per sicurezza

Russia/ Fsb contro Skype, Hotmail e Gmail: pericolo per sicurezza
Servizi preoccupati da sistemi di criptaggio dei dati

Mosca, 8 apr. (TMNews) – I sistemi di criptaggio dei dati adottati dalle messaggerie elettroniche Gmail e Hotmail e dal sistema di telefonia on-line Skype costituiscono una “notevole” minaccia per la sicurezza della Russia: lo ha dichiarato il responsabile del centro di comunicazione dei servizi segreti russi, Alexandre Andreeyiechkin.

Il portavoce del premier Vladimir Putin – ex responsabile dell’Fsb – ha definito “fondate” le preoccupazioni dei servizi: sulla questione “esiste il punto di vista dell’Fsb, perfettamente giustificato, ma esistono anche altri punti di vista e saranno valutati minuziosamente prima di adottare una decisione”, ha detto Dmitri Peskov.

Skype è popolarissimo in Russia, sia per i collegamenti video che per le telefonate all’estero a poco prezzo, e il ministero delle Comunicazioni si è affrettato a far sapere, dopo le dichiarazioni dell’Fsb, che non ci sono piani per bloccare il sistema di telefonia via internet nè i servizi di Gmail o Hotmail.

Fonti del Cremlino hanno poi riferito che l’Fsb è stato richiamato all’ordine in quanto la politica russa in materia di tecnologia on-line non è di sua competenza; ogni giudizio rappresenta quindi “un’opinione personale e non la politica dello Stato per lo sviluppo di Internet”, politica di cui il presidente Dmitri Medvedev, appassionato di nuove tecnologie, ha fatto una priorità .

(fonte Afp)

Mgi/orm

081715 apr 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)