AMBIENTE: DA GREENPEACE CAMPAGNA PER FACEBOOK PIU’ ‘VERDE’

AMBIENTE: DA GREENPEACE CAMPAGNA PER FACEBOOK PIU’ ‘VERDE’
MILANO
(ANSA) – MILANO, 13 APR – Greenpeace rilancia oggi la sua sfida a Facebook “Unfriend coal”: usare solo energia rinnovabile, senza nucleare e senza carbone, per il funzionamento dei suoi sistemi informatici. A Milano un gruppo di attivisti ha aperto in Piazza del Duomo uno striscione con la scritta “Facebook ci piaci verde”. Contemporaneamente, decine di migliaia di utenti di Facebook in tutto il mondo si stanno attivando online per entrare nel Guinness dei Primati con il maggior numero di commenti a un post di Facebook in 24 ore sulla pagina http://www.facebook.com/unfriendcoal. I commenti saranno mostrati al personale di Facebook su un megaschermo piazzato all’esterno degli uffici di Facebook in California a Palo Alto per incoraggiare l’azienda a vincere la sfida lanciata da Greenpeace: annunciare entro il 22 aprile, Giornata Mondiale della Terra, un piano per eliminare gradualmente l’uso di energia sporca. Domani, a Palo Alto, se le condizioni meteo lo permetteranno, i dipendenti Facebook in arrivo in ufficio potranno ammirare un dirigibile di Greenpeace con il messaggio “Facebook: unisciti alla Rivoluzione Energetica”. “Facebook sta sostenendo in tutto il mondo l’attivismo e la democrazia – afferma Andrea Boraschi, responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace in Italia – Adesso Facebook ha l’opportunità  di guidare anche una rivoluzione energetica, eliminando fonti pericolose come nucleare e carbone e passando alle rinnovabili”. Il settore delle tecnologie informatiche è quello con la maggior crescita al mondo in termini di uso di energia elettrica. Secondo un rapporto pubblicato da Greenpeace, al tasso di crescita attuale i centri di elaborazione dei dati e i sistemi di comunicazione del settore informatico consumeranno nel 2020 più del triplo di oggi. (ANSA).
COM-RT/KZT S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)