Arriva il premio per la cultura della privacy a scuola

Arriva il premio per la cultura della privacy a scuola

Garante Privacy lancia concorso nelle scuole

Roma, 14 apr. (TMNews) – Rispetto, identità , riservatezza, in una sola parola: privacy. Per sensibilizzare i giovani su questi concetti, il Garante della Privacy ha lanciato un concorso rivolto agli studenti delle scuole superiori di tutta Italia, “Privacy 2.0-I giovani e le nuove tecnologie”, che li porterà  a realizzare un cortometraggio di tre minuti scegliendo un aspetto o un fenomeno legati alla protezione dei dati in rapporto alle nuove tecnologie. Al vincitore andrà  un premio di cinque mila euro e sarà  premiato il 28 gennaio 2012 in occasione della Giornata europea della protezione dei dati.
“Lo scopo del concorso – ha detto il presidente Francesco Pizzetti – è stimolare l’inventiva e, allo stesso tempo, promuovere la cultura della protezione dei dati”. I ragazzi, infatti, improvvisandosi registi, dovranno rispettare le norme fondamentali, come il consenso per le persone riprese. I partecipanti, studenti delle classi terze e quarte delle scuole superiori, sono stati estratti a sorte per ogni provincia italiana e avranno tempo fino al 30 ottobre 2011 per realizzare i loro filmati, che saranno sottoposti a una giuria di esperti. “È un’occasione di alfabetizzazione alla privacy – ha concluso Mauro Paissan, componente del Garante – e, in particolare, all’uso non lesionistico di internet”, nell’epoca di Facebook e degli altri social network.

stg 141335 apr 11

MAZ

141402 apr 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)