INTERNET: MELONI, TECNOLOGIA NON PUO’ AVERE STECCATI

INTERNET: MELONI, TECNOLOGIA NON PUO’ AVERE STECCATI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 APR – I gesti che ripetiamo ormai ogni giorno, come l’invio di sms o la navigazione su Internet, “possono nascondere mille insidie che minacciano la crescita dei giovani” come cyber-bullismo, pedofilia, criminalità  cibernetica, ma sono anche “un’occasione straordinaria di progresso e socialità “: lo afferma il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, in un messaggio inviato al primo Forum Multimediale sui giovani e la comunicazione nell’era digitale, che si svolge oggi nell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. “Ho salutato con grande favore – dice il ministro nel messaggio – l’abolizione del cosiddetto Decreto Pisanu, perché finalmente siamo riusciti a liberare ulteriormente l’accesso a Internet e a creare opportunità “. Tranne che in momenti emergenziali, continua, “mi risulta difficile pensare di condannare, censurare o addirittura bandire magnifici strumenti di comunicazione perché c’é chi li trasforma in mezzi criminali o perché il loro abuso può causare in qualcuno problemi di rapporti sociali”. “La legge e le coscienze – prosegue il ministro – devono essere i primi guardiani del corretto uso della tecnologia, ma non dovremo mai far prevalere la paura rispetto alla possibilità  per un a nonna di vedere il sorriso del nipotino anche a migliaia di chilometri di distanza”. “La tecnologia esercita un grande fascino sui giovani perché essi la considerano innanzitutto come strumento positivo e la sanno sfruttare meglio di chiunque altro. Desidero che questa visione resti dominante: non è necessario cercare di innalzare steccati e frontiere laddove non è auspicabile né tantomeno possibile; basta elevare la qualità  dell’utilizzo di questi strumenti e fornire modelli positivi, gli unici di cui i giovani abbiano realmente bisogno” conclude Meloni. (ANSA).
AB/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)