ANSA/ HOMEVIDEO: TREND NEGATIVO,SETTORE SALVATO SOLO DAL BLU RAY

ANSA/ HOMEVIDEO: TREND NEGATIVO,SETTORE SALVATO SOLO DAL BLU RAY
PRESENTATO RAPPORTO UNIVIDEO 2011, GIRO D’AFFARI DA 590 MILIONI
ROMA
(di Francesco Gallo) (ANSA) – ROMA, 18 APR – Il giro d’affari dell’home entertainment continua a calare soprattutto in noleggio e edicola, ma solo sul fronte vendita in maniera contenuta (-2,6%) grazie al valore aggiunto qualitativo del Blu Ray che invece cresce notevolmente e l’uscita di blockbuster già  cult come Avatar. Questo, in estrema sintesi, il Rapporto Univideo 2011 sullo stato dell’Home Entertainment in Italia presentato oggi a Roma alla Casa del Cinema. Stasera nella stessa Casa del cinema ci sarà  la premiazione degli Italian Dvd e Blu Ray Awards. Il fatturato nel 2010 è intorno ai 590 milioni di euro, ottenuti, si legge nel rapporto: “grazie alla vendita di 47.4 milioni di supporti fisici e a 33 milioni di atti di noleggio pur all’interno di un contesto di domanda che si è confermato difficile sul fronte dei redditi delle famiglie, nel 2010 sono passati di mano, con un atto d’acquisto e/o di noleggio, 153 supporti audiovisivi al minuto”. L’home entertainment, come già  detto, attenua però la fase calante del fatturato avviatasi nel 2007, grazie all’alta definizione e all’uscita di titoli di grande successo, in grado di compensare “la crescente diffusione di forme d’intrattenimento domestico gratuite e la piaga della pirateria”. Il Blu-ray Disc è, infatti, arrivato a rappresentare circa il 15% del fatturato della vendita (esclusa edicola) a fine anno e sta acquisendo crescente importanza anche nel noleggio, pur avendo scontato un ingresso sul mercato più lento rispetto a ciò che avvenne per il DVD. L’affermazione di questo supporto ha infatti permesso non solo di contenere la caduta del suo giro d’affari (-2.6%) ma anche a rappresentare il 57% del fatturato complessivo dell’home entertainment nel 2010, “grazie anche all’importanza – si legge nel rapporto – che sta acquisendo il commercio elettronico di supporti fisici che, con una crescita del 4.3% nel 2010, ha visto aumentare all’8% l’incidenza sul fatturato della vendita (dal 7.4% del 2009) anche l’edicola – che nel 2010 non ha sostanzialmente beneficiato dell’impatto positivo del Blu-ray Disc- ha mostrato un’evoluzione meno negativa rispetto al 2009, sostenuta dalle vendite di titoli in anteprima e superante prima l’area di business più in difficoltà  si èconfermata quella del noleggio, che con un fatturato in calo del 21.6% ha visto la propria quota scendere al 15%; all’interno del comparto, si segnalano performance meno penalizzanti per gli operatori a più elevato livello di offerta e di servizio.
GAL/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)