Wikileaks/ Assassino di al Qaida lavorava per servizi segreti Gb

Wikileaks/ Assassino di al Qaida lavorava per servizi segreti Gb
Londra era anche centro di un’organizzazione terroristica globale

Roma, 26 apr. (TMNews) – Un presunto militante di al Qaida sospettato di aver bombardato un albergo di lusso e due chiese in Pakistan nel 2002 era un informatore dell’Mi6. Lo riportail sito internet della Bbc. Adil Hadi al Jazairi è stato detenuto a Guantanamo tra il 2003 e lo scorso anno, quando è stato rimpatriato dal presidente Barack Obama nel suo Paese natale, l’Algeria. Il Guardian ha sostenuto di aver visionato file segreti di Wikileaks in cui è descritto come un “assassino” di al Qaida. Gli inquirenti statunitensi ritengono che sia anche un informatore dei servizi segreti britannici. Rivelazioni che arrivano mentre il ‘Daily Telegraph’ ha rivelato altri documenti segreti, secondo i quali Londra era il centro di un’organizzazione terroristica globale. I file, provenienti sempre da Wikileaks, indicavano la moschea di Finsbury Park, nel nord di Londra, come un “rifugio” per gli estremisti. L’Mi6 è l’agenzia di spionaggio per l’estero della Gran Bretagna.

Fco

261636 apr 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)