TLC: ASSTEL E SINDACATI CHIEDONO LIBERTA’ GESTIONE RETE

TLC: ASSTEL E SINDACATI CHIEDONO LIBERTA’ GESTIONE RETE
IN 2010 RICAVI -2,6% E OCCUPAZIONE -7%, INVESTIMENTI STABILI
MILANO
(ANSA) – MILANO, 15 GIU – “Per rilanciare il ruolo delle tlc quale volano per lo sviluppo del Paese occorre lasciare agli operatori la libertà  di gestire la rete e sperimentare nuovi modelli di business, dando valore all’offerta di banda e alla qualità  del servizio”. Lo chiedono Asstel e i sindacati dal Forum della filiera delle telecomunicazioni, appuntamento annuale di studio e approfondimento sugli scenari e le prospettive del settore. Il settore delle tlc in Italia ha sofferto nel 2010 un calo dei ricavi (-2,6%) e dell’occupazione (- 6,9%) e un forte ritardo sui servizi a banda larga come mostra il secondo rapporto sulla filiera delle Tlc in Italia presentato al Forum a cui hanno partecipato i Segretari Generali di Slc/Cgil, Fistel/Cisl, Uilcom/Uil e i vertici delle aziende aderenti ad Asstel. Continuano invece a scendere i prezzi (-8%) e nonostante questo gli operatori italiani hanno mantenuto costanti gli investimenti (6 mld) e hanno determinato un’ulteriore espansione infrastrutturale, in particolare un incremento del 6% nel tracciato in fibra ottica (per un totale di 140mila km). Il contributo del settore al Pil, si legge in una nota, scende dall’1,7% del 2009 all’1,6% nel 2010, mentre, nello stesso periodo, il margine operativo lordo degli operatori telefonici si è ridotto dell’1,2 per cento. “Resta preoccupante il ritardo italiano nella banda larga fissa con 54% di penetrazione (accessi su famiglie), a fronte del 78% del Francia, 72% della Gran Bretagna, 65% della Germania e 61% della Spagna” si legge nel rapporto. L’Italia, con 93 milioni di linee mobili e una penetrazione del 10% della banda larga mobile, mantiene la leadership europea nello sviluppo e nell’adozione di servizi di rete mobile ma solo il 30% degli accessi in banda larga mobile espande il mercato delle famiglie in banda larga, mentre il restante 70% riguarda famiglie che hanno già  accesso a banda larga da rete fissa. La colpa però secondo il rapporto è di fattori di natura sociale e culturale: il 40% della popolazione adulta non ha mai usato il PC e, tra gli over 55 anni, ben l’80% non usa internet (50% in UK). Forte è anche la disomogeneità  rilevata tra diverse aree geografiche del Paese. Quanto alle imprese, il ritardo tocca in modo particolare quelle di dimensioni medio-piccole. (ANSA).
BF/ S0A QBXB

151442 giu 11

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci