INTERNET: ANICA-APT, OK ORIENTAMENTO AGCOM SU DIRITTO AUTORE

INTERNET: ANICA-APT, OK ORIENTAMENTO AGCOM SU DIRITTO AUTORE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 GIU – “L’Agcom sta elaborando un provvedimento a tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica. Argomenti di massima importanza per il futuro della libertà  di espressione e della produzione culturale e artistica; tali quindi da richiedere chiarezza d’analisi e onestà  intellettuale”. E’ quanto sottolineano in una nota l’Anica (Associazione dell’industria cinematografica) e l’Apt (Associazione dei produttori indipendenti) che “hanno valutato positivamente, hanno sostenuto e sostengono con convinzione l’orientamento dell’Agcom”. Anica e Apt “apprezzano che si possa finalmente avere una procedura corretta e trasparente di natura amministrativa, che non tocca in alcun modo l’utilizzatore della rete. La rete è terreno di scambio di informazioni, luogo di relazione e di manifestazione del pensiero. Sotto questo profilo deve esserle garantita la più ampia diffusione e la più assoluta intangibilità . Ferme restando le essenziali esigenze di legalità , nessun limite va posto alla libertà  di espressione in rete. E infatti non è di questo che tratta il provvedimento dell’Autorità “. “La rete – dicono ancora Anica e Apt – è anche luogo di mercato. Oggi è uno degli strumenti del mercato; domani sarà  il principale strumento del mercato. Sul mercato si scambiano servizi e beni, materiali e immateriali. Tutti si scambiano ad un prezzo, fondato sul diritto di proprietà . Non esiste alcun principio ed alcuna logica per non applicare questo criterio alle opere dell’ingegno, fra cui i film, la musica, i libri. Il diritto d’autore è per le opere dell’ingegno ciò che la proprietà  è per gli altri beni e servizi. Modificare sostanzialmente il diritto d’autore equivale a negare la proprietà  intellettuale. E’ un tentativo che nella storia si è già  effettuato, con la conseguente perdita della libertà  di espressione. Chi sostiene la libera e gratuita circolazione delle opere dell’ingegno in rete, più o meno consapevolmente, mina alla radice la possibilità  di realizzare tali opere, nella specificità  di ogni singola opera e di ogni singolo autore. Ciò significa distruggere la libertà  di espressione esercitata attraverso le opere. Occorre che ciò sia chiaro e che ognuno si assuma le proprie responsabilità , senza cedere a tentazioni demagogiche o a operazioni manipolatorie, o alle pressioni delle forze economiche più potenti”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)