Telecom I.: ora rischia il tavolo Romani (MF)

01 Jul 2011 08:36 CEDT Telecom I.: ora rischia il tavolo Romani (MF)

Dowjones

MILANO (MF-DJ)–Sulla rete Telecom I. il governo cambia idea.

Nella nuova versione della manovra, quella entrata ieri in Consiglio dei ministri, scrive MF, l’esecutivo ha deciso per una retromarcia completa. Anzi, ha anche virato in direzione opposta. L’unico compito del governo, in base al nuovo articolo 29, sara’ infatti quello di predisporre un progetto strategico per la realizzazione dell’infrastruttura che potra’ essere fatto solo sulla base della “sussidiarieta’ orizzontale”. Questo significa che nelle zone in cui i privati hanno gia’ loro piani di investimento, il progetto del governo non potra’ intervenire. Un punto cruciale, oggetto di animate discussioni al tavolo Romani. Il documento predisposto dal ministero dello Sviluppo, infatti, prevede l’investimento di FiberCo (la societa’ della fibra alla quale avrebbero dovuto partecipare tutti gli operatori), solo nelle citta’ dove i gestori non hanno piani di copertura per almeno il 50% delle unita’ abitative nei prossimi cinque anni. red/lab


(END) Dow Jones Newswires

July 01, 2011 02:36 ET (06:36 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci