Telecom I.: nodo banda larga su tavolo Romani (MF)

Condividi

MILANO (MF-DJ)–Il tavolo Romani per lo sviluppo della banda larga prova a ripartire. Dopo il fallito blitz in Finanziaria, con il quale si era tentato di obbligare Telecom I. a fornire un servizio universale di connessione ultraveloce e la Cassa depositi e prestiti a finanziare il progetto, durante lo scorso weekend, scrive MF, il coordinatore del tavolo, Roberto Sambuco, ha ricevuto le osservazioni dell’ex monopolista e dei concorrenti al documento conclusivo del ministero. Nei pareri, che MF-Milano Finanza ha potuto consultare, le posizioni fra Telecom e i concorrenti rimangono distanti. A cominciare dalla valorizzazione della rete in rame che dovrebbe essere conferita a FiberCo e della call riconosciuta all’ex monopolista per poter riscattare la rete una volta trasformata in Ngn. Al tavolo, seppure nel documento finale non sia riportato, si sarebbe parlato del riconoscimento a Telecom I. di 500 euro per ogni cliente trasferito dal rame alla fibra. Moltiplicato per 22 milioni di utenti, la valorizzazione della rete sarebbe di 11 miliardi. I concorrenti hanno chiesto che i criteri di valorizzazione e i valori stessi del rame, siano oggetto di valutazione e certificazione da parte di piu’ organismi terzi indipendenti.