Pubblicità /Upa: Investimenti fermi, crescita zero sarebbe successo

Condividi

Pubblicità /Upa:Investimenti fermi, crescita zero sarebbe successo
Cresce internet (+18%),frizione per radio e cinema (-7%)

Milano, 6 lug. (TMNews) – Gli investimenti pubblicitari nei primi sei mesi del 2011 “sono al palo” e “una crescita zero sarebbe un successo”. Lo ha detto il presidente dell’Upa (Utenti pubblicità  associati), Lorenzo Sassoli de Bianchi, nel corso di una conferenza stampa che precede l’assemblea del 2011.
“Il mercato è piatto – ha spiegato il presidente dell’Upa – anzi, a fine aprile è addirittura in calo. Una crescita zero a fine anno sarebbe un risultato positivo, perché gli investimenti pubblicitari sono al palo”.
Parlando nel dettaglio dei diversi settori, Sassoli de Bianchi ha evidenziato come per internet ci sia una crescita pari al 18%, mentre una decisa flessione riguarda radio, cinema e affissioni che calano del 7%. Flessione anche per gli investimenti pubblicitari sul piccolo schermo, la tv perde l’1,5% così come un calo si registra per i quotidiani (-3%) e i periodici (-2,5%).
“Sul fronte internet – ha spiegato il numero uno di Upa – ci stiamo allineando all’Europa, quest’anno è in flessione il settore delle tlc con rallentamenti per Vodafone, Telecom e Wind”.
Per quanto i settori merceologici, “tiene l’alimentare, molto bene la cura e il benessere, è stabile il settore auto – ha aggiunto Sassoli de Bianchi – perché le aziende investono solo una piccola parte del fatturato. Banche, assicurazioni e servizi finanziari sono da anni in calo e conermano il trend”.