GIORNALISTI: BOFFO GUIDERA’ RUBRICA SU TV2000. ”NON PORTO RANCORE”

GIORNALISTI: BOFFO, GUIDERA’ RUBRICA SU TV2000.”NON PORTO RANCORE”
(ASCA) – Roma, 7 lug – Dino Boffo torna protagonista dei media della Cei: l’ex-direttore di Avvenire condurra’, a partire dall’11 luglio, la rubrica delle ‘lettere al direttore’ all’interno del nuovo palinsesto di Tv2000, la televisione su digitale terrestre dei vescovi di cui e’ direttore. La trasmissione sara’ in onda tutti i giorni alle 19.40, prima del telegiornale. ”Mi sento pacificato, sono sereno, non porto assolutamente rancore”, ha detto oggi durante la presentazione del palinsesto a proposito della campagna di stampa del quotidiano al Giornale che lo aveva portato alle dimissioni da direttore del quotidiano della Cei. ”Sono felice di aver ripreso a fare il mio mestiere, ricco anche di questa esperienza”, ha aggiunto, spiegando che l’impegno oggi e’ quello di ”guardare avanti”. ”Torno a fare il giornalista”, ha raccontato, anche se ”quello che mi e’ capitato me lo porto dentro, credo di essere riuscito a elaborarlo”, traendo da esso una maggiore ”conoscenza sul nostro mondo, sugli uomini e le donne, anche sulla vita della Chiesa”. Per Boffo, in Italia c’e’ ”speranza che il costume giornalistico sia sempre piu’ scrupoloso, attento ai diritti delle persone, quelle umili ma anche quelle potenti”. La lezione del caso che lo ha visto protagonista, crede, ”e’ stata interiorizzata, colta e partecipata da tanti”: ”Alla fine – conclude – il nostro mondo giornalistico e’ piu’ intenzionato a essere all’altezza della sua missione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi