Telecom/ Tim Partecipacoes acquista Aes Atimus per 700 mln

Condividi

Telecom/ Tim Partecipacoes acquista Aes Atimus per 700 mln
Si rafforza sviluppo rete mobile e benefici per sinergie

Roma, 8 lug. (TMNews) – – Il Gruppo Telecom Italia rafforza la sua presenza in Brasile. TIM Participacoes S.A., attraverso la sua controllata TIM Celular S.A., ha firmato un accordo per l’acquisizione, dalla Companhia Brasiliana de Energia, del gruppo AES Atimus (precisamente della totalita del capitale di Eletropaulo Telecomunicacoes Ltda e di AES Communications Rio de Janeiro S.A.) operatore del settore delle infrastrutture di telecomunicazioni negli stati di San Paolo e Rio de Janeiro, le aree maggiormente popolate e ricche del paese sudamericano, dove si realizza il 27% del Pil nazionale.
L’operazione esprime un enterprise value di 1,6 miliardi di reais, pari a circa 700 milioni di euro. Il closing dell’operazione è previsto entro il quarto trimestre del 2011, dopo le necessarie approvazioni societarie e delle autorità  competenti.
AES Atimus è proprietaria di una rete in fibra ottica con un’estensione di 5.500 km che copre in modo capillare 21 comuni costituenti il tessuto urbano allargato di San Paolo e Rio de Janeiro. Il gruppo, con un fatturato, nel 2010, di 211 milioni di reais ed un EBITDA margin del 63%, rappresenta un asset fondamentale per garantire a TIM Brasil un rafforzamento della propria posizione competitiva.
L’infrastruttura oggetto dell’accordo odierno – spiega Telecom Italia in una nota – permetterà  tra l’altro a TIM Participacoes di: rafforzare lo sviluppo della rete mobile grazie a collegamenti in fibra ottica (cosiddetto backhauling) delle stazioni di trasmissione, permettendo di estendere e accelerare i servizi di broadband mobile; beneficiare di sinergie tramite l’internalizzazione dell’infrastruttura di accesso di AES, facendo venire meno l’esigenza di affitto dei collegamenti da altri operatori.
L’infrastruttura in fibra di AES Atimus si integra perfettamente con quella di Intelig (basata essenzialmente sulle cosiddette dorsali di backbone), societa acquisita nel 2009, consentendo un forte sviluppo della sua offerta corporate nonchè di cogliere selettivamente opportunità  nel prospettivo scenario di convergenza nel mercato brasiliano.
L’operazione consentirà  possibili sinergie in termini di opex e capex per 1 miliardo di reais in tre anni.
Si tratta della prima acquisizione di un asset di queste dimensioni da parte del Gruppo Telecom Italia negli ultimi anni.
L’operazione odierna – conclude Telecom – non modifica il piano di delevarage del Gruppo presentato al mercato finanziario lo scorso febbraio.