GIORNALISTI: FNSI, GIORNATA MOBILITAZIONE PER ACCESSO A CIE

GIORNALISTI: FNSI, GIORNATA MOBILITAZIONE PER ACCESSO A CIE
NATALE, MARONI RIAPRA CANCELLI O ALIMENTERA’ TERRIBILI SOSPETTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 8 LUG – Una giornata di mobilitazione, in programma il 25 luglio, contro “il bavaglio imposto alla stampa sui centri Cie”. E’ quanto annunciato oggi dalla Federazione Nazionale della stampa italiana e dall’Ordine dei giornalisti, in un incontro sostenuto anche da Asgi, Articolo 21, Osf, European Alternatives e alcuni parlamentari dell’opposizione contro la circolare interna con cui il ministro dell’Interno Roberto Maroni vieta ai giornalisti l’ingresso nei centri per migranti, sia quelli di accoglienza che quelli di detenzione. “Il ministro Maroni – spiega il presidente della Fnsi, Roberto Natale – riapra i cancelli dei Cie o alimenterà  terribili sospetti sulle condizioni e su quanto sta accadendo all’interno dei centri”. Questo divieto costituisce un “bavaglio per tutta la stampa, italiana e internazionale” contro cui, alla vigilia della discussione alla Camera del decreto Maroni, calendarizzata per martedì, Natale annuncia una mobilitazione generale. “I giornalisti – dice – si troveranno davanti ad alcuni centri, chiedendo di poter entrare e soprattutto che questo decreto venga rimosso”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo