Lodo Mondadori: il silenzio di Berlusconi, oggi riunisce famiglia

Condividi

ROMA (MF-DJ)–“Finira’ che paghero’ io la prossima campagna elettorale del Pd”. Cosi’ il premier Silvio Berlusconi avrebbe commentato ieri la sentenza che ha condannato in appello la Fininvest a pagare per il Lodo Mondadori 560 milioni alla Cir di Carlo De Benedetti, un signore che “ha la tessera numero 1 del Pd”. Ma sono stati diversi i commenti alla decisione della Corte di Appello. “E’ indegno che per colpire mio padre vengano colpite le sue aziende, costringendole perfino a finanziare proprio il gruppo De Benedetti, che ha una sola strategia, un’unica missione: cancellare dalla scena politica il presidente del Consiglio”. La figlia del premier Marina Berlusconi, presidente Fininvest, torna a puntare l’indice su un verdetto “indegno di un paese civile”. “Abbiamo sempre rispettato le regole e rispetteremo le sentenze. Faremo niente di piu’ e niente di meno di quello che la legge ci consente”, dichiara in un’intervista al Corriere della Sera, ribadendo che i legali ricorreranno in Cassazione. Marina Berlusconi, nonostante la sentenza in appello che ha condannato Fininvest a risarcire la Cir per 560 milioni, continua ad “aver fiducia nella magistratura ma – afferma – come si fa a negare l’aggressione verso mio padre che dura da 17 anni? Ed e’ evidente come dietro tutto questo ci sia una parte della magistratura e certa stampa, che ha nei giornali di De Benedetti la sua punta di diamante. E’ una vera e propria tenaglia, che con questa sentenza si e’ chiusa”. Repliche anche dal Pd. “I mercati italiano e internazionale valuteranno questa vicenda come va valutata, evidentemente tutto questo e’ avvenuto a seguito di un caso di corruzione individuale conclamata e punita, questo vedranno, non grandi complotti”. Cosi’ il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ha commentato la sentenza sul lodo Mondadori mentre si trova a Gerusalemme. “Certo non e’ una cosa che fa bene al paese – ha aggiunto – un presidente del Consiglio che finisce in guai simili certamente non e’ un gran testimonial”. E infine il silenzio di ieri sera del premier. “Ha voluto evitare reazioni a caldo”. Cosi’ Bonaiuti ha motivato il silenzio del premier sulla sentenza del Lodo Mondadori. Il premier e’ tornato a Milano e partecipera’ oggi – come succede ogni lunedi’ – ad una riunione sul futuro della Fininvest mentre martedi’ dovrebbe dare il ‘via libera’ alla stagione del Milan e scongiurare qualsiasi conseguenza della sentenza sulla squadra rossonera.