Gb/ Intercettazioni, scandalo indebolisce potere Murdoch

L’80enne magnate unico difensore tabloid in News Corp

Roma, 18 lug. (TMNews) – Lo scandalo delle intercettazioni che ha travolto la News Corp di Rupert Murdoch potrebbe avere come effetto collaterale quello di ridurre il potere della famiglia nella gestione dell’azienda, specie dopo la pubblica lettera di scuse pubblicata sui principali quotidiani britannici, prassi mai adottata da alcuna testata del gruppo.
Come riporta il quotidiano britannico The Independent, l’80enne Murdoch – che non ha ancora designato esplicitamente un successore – all’interno del gruppo è infatti l’unico paladino del ramo britannico – che contribuisce relativamente poco ai profitti – ma non ha saputo prevedere l’effetto dello scandalo su tutte le altre testate, comprese quelle statunitensi, che considerano tabloid come il News of the World come un imbarazzo.
Il cda di News Corp infatti considera la televisione via cavo come l’asset di gran lunga più importante dell’impero di Murdoch, tesi che sarebbe condivisa anche dal figlio del magnate, James e soprattutto dal principale dirigente operativo del gruppo, Chase Carey: il tramonto di Rupert e l’eventuale coinvolgimento del figlio nello scandalo lascerebbe la gestione nelle mani di quest’ultimo, di cui gli investitori hanno già  dimostrato di fidarsi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo