INTERNET: ITALIANI POCO ATTENTI A SICUREZZA, DANNI SUPERANO 5 MILA EURO

(ASCA) – Roma, 22 lug – Il 16% degli utenti internet ha subito almeno una volta la violazione dell’accesso ai vari servizi internet, subendone nel 35% dei casi un danno. Secondo un’indagine sui comportamenti degli utenti internet condotta da Cpp Italia, filiale della multinazionale inglese specializzata nella tutela della sicurezza dei dati personali e nella protezione delle carte di credito, il 30% degli intervistati ha lamentato l’uso fraudolento dell’account di posta elettronica, Messenger (o altre web chat) o del proprio social network. Il 2% ha subito danni economici limitati a 100 euro, mentre per 3 intervistati su 100 i danni sono stati contenuti entro i mille euro. Tra i mille e i 5 mila euro sono stati i danni economici per il 2% degli utenti internet, mentre solo l’1% ha subito danni superiori ai 5 mila euro. Secondo l’indagine, il 42% degli utenti internet intervistati non modifica mai, a meno che non sia obbligato a farlo, le password di accesso ai servizi e-mail e home banking, mentre l’11% lo fa a cadenza annuale o piu’ lunga. Comportamenti che ”possono favorire, almeno in parte, la violazione dei propri account internet”. A mostrare una maggiore consapevolezza dei pericoli che si possono correre navigando in Internet e’ il 17% degli intervistati che modifica le proprie password una volta al mese. Il 18% cambia i codici di accesso ai servizi internet utilizzati almeno ogni tre mesi, mentre il 12% lo fa due volte l’anno. Proseguendo l’esame dei risultati della ricerca si nota come il 14% degli intervistati utilizzi una sola password per tutti i tipi di accessi a internet, dall’home banking ai social network, mentre il 13% ne usa 2: una per gli accessi ai servizi finanziari e un’altra per social network e i servizi per il ”tempo libero”. Infine, il 31% degli intervistati rivela la propria password a terze persone, soprattutto a moglie (25%) e figli (8%).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)