MURDOCH: COMMISSIONE COMUNI VUOLE CHIARIMENTI DA JAMES

Condividi

EX DIRIGENTI NEWS OF THE WORLD, MENTI’ SU EMAIL INTERCETTAZIONI
(ANSA) – LONDRA, 22 LUG – Il presidente della commissione Cultura Media e Sport della Camera dei Comuni, che martedì scorso ha ascoltato Rupert e James Murdoch, vuole adesso chiarimenti da quest’ultimo dopo che due ex executive di News of the World ne hanno contraddetto la deposizione. John Whittingdale, un Tory, ha detto che vuole una risposta da Murdoch “entro una settimana” perché “é una questione seria ed è chiaro che c’é un conflitto tra le due versioni”. A contraddire James Murdoch sono stati Colin Myler, ex direttore del domenicale, e Thomas Crone, avvocato di News International, licenziato prima che il tabloid venisse chiuso in seguito allo scandalo delle intercettazioni. Myler e Crone hanno accusato il giovane Murdoch di aver messo fuori rotta il Parlamento quando ha detto di non essere a conoscenza di una email da cui si desumeva che la pratica delle intercettazioni era più diffusa di quanto sostenuto da News International. Il documento su cui c’é discrepanza è un’email che lascia capire che il reporter capo del domenicale, Neville Thurlbeck, aveva richiesto la trascrizione di messaggi di segreteria telefonica intercettati nel 2005. Martedì a James Murdoch è stato chiesto se fosse stato a conoscenza di quell’email: “No, non ne sapevo niente a quel tempo”, era stata la risposta ribadita in un comunicato di News International, ieri sera, quando è emerso il contrasto di versioni con Myler e Crone. L’esistenza dell’email era stata portata in Commissione Cultura durante l’interrogatorio dei due Murdoch a proposito del maxi-risarcimento del capo della Professional Footballers Association Gordon Taylor nel 2008: era stato chiesto a James Murdoch se quando aveva autorizzato il pagamento fosse stato a conoscenza dell’email “per Neville” con la trascrizione dei messaggi intercettati. Murdoch aveva negato, aggiungendo che “c’era ogni ragione di chiudere il caso data la probabilità  di perdere in tribunale e dati i danni che ci sarebbero stati imposti, per quanto avevano detto gli avvocati”. (ANSA).