TV: MERLO (PD), TV LOCALI, ORA SI RISCHIA IL SOFFOCAMENTO

Condividi

SERVE FORTE INIZIATIVA DI TUTTE LE OPPOSIZIONI
(ANSA) – ROMA, 31 LUG – “Dopo i giornali locali ora è la volta delle Tv locali. E la denuncia puntuale e dettagliata di Avvenire non può non essere accolta”: così Giorgio Merlo, Pd, Vice Presidente Commissione Vigilanza Rai. Per Merlo, “Con le nuove regole decise dal Governo si corre il serio rischio di chiudere 250 emittenti comunitarie e territoriali, molte delle quali riconducibili all’area cattolica. La scelta del Governo, infatti, di togliere 9 frequenze televisive alle piccole emittenti per destinarle alle compagnie telefoniche, fa saltare non soltanto centinaia di Tv locali, ma crea una ennesima voragine nel campo dell’occupazione in questo settore, oltreché ridurre drasticamente il pluralismo a livello territoriale. Una scelta che richiede, adesso, una forte iniziativa politica di tutte le opposizioni per ripristinare un minimo di pluralismo nel campo televisivo. A cominciare proprio dall’emittenza locale”.