MURDOCH: GB, HACKER HANNO RUBATO DATI PERSONALI UTENTI SUN

ANSA) – LONDRA, 2 AGO – News International ha contattato migliaia di persone per avvertirle che uno o più hacker hanno trafugato i dati personali di tutti coloro che hanno preso parte a sondaggi e concorsi del Sun e che ora li stanno pubblicando in Rete. In una email inviata ieri sera, Chris Duncan, responsabile dei dati dei clienti, ha dichiarato che il 19 luglio – quando una storia finta che dava Rupert Murdoch per morto era stata piazzata dagli hacker sul sito del tabloid – “qualche dato dei clienti che hanno partecipato a concorsi e sondaggi è stato violato”. I dati includono nomi, indirizzi, date di nascita, email e numeri di telefono. “Nessun dettaglio finanziario o parole chiave sono stati trafugati”, ha specificato Duncan. Alcuni di questi file sono stati già  pubblicati dagli hacker su Pastebin, un sito in cui i pirati informatici possono pubblicare messaggi in via anonima e criptata. Duncan ha dichiarato che News International sta ora collaborando con la polizia ed il garante dell’informazione per “assicurare che tutti i file in questione vengano ritirati”. Pare che i documenti siano stati diffusi da un hacker che su Twitter si fa chiamare Batteye e che dice di non avere alcun legame con LulzSec, il collettivo di pirati informatici che si é detto responsabile dell’attacco a News International il 19 luglio. In un suo ‘manifesto’ su Pastebin, Batteye ha dichiarato: “Alcune persone non imparano mai. Fino a quando questi individui non verranno eliminati attraverso la selezione naturale, l’incarcerazione o altro, l’umanità  non si potrà  sviluppare. Rimarremo vittime degli hacker cattivi che rubano informazioni sulle carte di credito o che cancellano messaggi nelle segreteria telefoniche spingendo le famiglia a un lutto ancora più profondo”. Non è chiaro se Batteye sia inglese o americano. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)