TELECOM: NEL 1^ SEMESTRE RICAVI +10% A 14.5 MLD, INDEBITAMENTO IN CALO

Condividi

MILANO (ITALPRESS) – Il Consiglio d’Amministrazione di Telecom Italia ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011. I ricavi nel primo semestre dell’anno ammontano a 14.543 milioni di euro, con un incremento del 10% rispetto ai 13.223 milioni di euro del primo semestre 2010 (+1.320 milioni di euro). In termini di variazione organica i ricavi consolidati registrano un incremento dell’1% (+137 milioni di euro). L’EBITDA e’ pari a 5.977 milioni di euro e aumenta, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di 244 milioni di euro (+4,3%), con un’incidenza sui ricavi del 41,1% (43,4% nel primo semestre 2010). In termini organici l’EBITDA si riduce del 2% e l’incidenza sui ricavi si riduce di 1,2 punti percentuali (41,4% nel primo semestre 2011 a fronte del 42,6% nel primo semestre 2010). “Le svalutazioni di attivita’ non correnti sono pari a 3.182 milioni di euro nel primo semestre 2011, a seguito della svalutazione dell’avviamento attribuito alle attivita’ domestiche – sottolinea Telecom in una nota -. La valutazione, nel rispetto della specifica procedura di cui il Gruppo si e’ dotato, ha principalmente tenuto in considerazione il deterioramento del contesto dei mercati finanziari riguardo all’andamento dei tassi di interesse”. L’EBIT e’ negativo per 51 milioni di euro, con una riduzione di 2.932 milioni di euro rispetto al primo semestre 2010. L’EBIT organico, calcolato escludendo in particolare la citata svalutazione dell’avviamento, e’ pari a 3.174 milioni di euro, con una variazione positiva per 122 milioni di euro (+4,0%); l’incidenza sui ricavi e’ cresciuta dal 21,2% del primo semestre 2010 al 21,8% nel primo semestre 2011. L’utile del periodo attribuibile ai Soci della Controllante e’ negativo per 2.013 milioni di euro, con una flessione di 3.224 milioni di euro rispetto al primo semestre 2010 (1.211 milioni di euro). Escludendo l’impatto negativo della svalutazione dell’avviamento, l’utile del periodo ammonterebbe a 1.169 milioni di euro, sostanzialmente allineato con quello dello stesso periodo dell’anno precedente. Gli investimenti industriali sono pari a 2.037 milioni di euro, sostanzialmente invariati rispetto al primo semestre 2010. Il flusso di cassa della gestione operativa e’ pari a 2.512 milioni di euro nel primo semestre 2011 e si incrementa di 360 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. L’indebitamento finanziario netto rettificato al 30 giugno 2011 e’ pari a 31.119 milioni di euro, con una riduzione di 349 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 (31.468 milioni di euro). L’indebitamento finanziario netto contabile e’ pari a 31.505 milioni di euro e diminuisce di 582 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 (32.087 milioni di euro) e aumenta di 533 milioni di euro rispetto al 31 marzo 2011 (30.972 milioni di euro). Il personale del Gruppo e’ pari a 84.335 unita’, di cui 57.853 in Italia.

(ITALPRESS).