TV: AIART, QUELLA ITALIANA E’ UN “COPIA-COPIA”

Condividi

(AGI) – Roma, 5 ago. – “Piersilvio Berlusconi puo’ anche smentire, ma e’ sotto gli occhi di tutti che ormai la televisione italiana manca di originalita’. La maggior parte dei programmi e’ comprata dall’estero e sembra proprio che ai ‘creativi’ di casa nostra manchino le idee. Insomma un ‘copia-copia’”. Lo afferma una nota dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart. “Oramai e’ una continua rincorsa. Soprattutto il servizio pubblico non fa altro che copiare la tv commerciale, che a sua volta scimmiotta quella degli altri Paesi occidentali. Le eccezioni, vedi ‘Quark’, sono rare – continua la nota -. Il risultato e’ una serie di realities e talent show ripetitivi, che pur di stupire, come ‘Io canto’ e ‘Ti lascio una canzone’, non esitano a mettere in scena i bambini”. (AGI)