EPSON, HACKER RUBANO DATI DI 350 MILA CLIENTI

Condividi

ENNESIMO FURTO INFORMATICO, INDAGA LA COMMUNICATION COMMISSION

(ANSA-REUTERS) – ROMA, 20 AGO – Anche la Epson vittima degli hacker: dalla divisione in Sud Corea dell’azienda giapponese sono stati rubati i dati di 350 mila clienti. Un portavoce dell’azienda ha spiegato che oltre ai nominativi e alle mail, sono stati sottratti numeri di telefono e dati sugli acquisti. Il caso è stato sottoposto alla Communications Commission che da tempo si occupa di sicurezza informatica in un paese in cui si sono registrare tante intrusioni in siti privati e governativi. “Stiamo ancora indagando sul caso e cercando di individuare gli hackers”, ha detto un portavoce della commissione. La Corea del Sud sta lavorando su un grande piano di sicurezza dopo l’ondata di attacchi contro agenzie governative, aziende e compagnie finanziarie esposte alla vulnerabilità  di Internet, in uno dei paesi più in rete del mondo. A fine luglio sia il portale Nate Internet che il sito Cyworld blogging, entrambi di proprietà  di Sk Comms, sono stati violati e gli hacker hanno attinto alle informazioni di 35 milioni di utenti, l’attacco più grosso di tutti i tempi nel paese, attribuito alla Cina. E in aprile la Nonghyup, una grande banca commerciale a partecipazione statale, ha avuto un crollo della rete interna che ha causato problemi a milioni di clienti. Questa volta la paternità  della violazione è stata attribuita alla Corea del Nord che ha respinto le accuse. (ANSA-REUTERS).