TV: D’ALESSANDRO, RAI2 PRONTA ALL’AUTUNNO SENZA SANTORO

Condividi

NO TALK SHOW, NOVITA’ IN ARRIVO, PROGETTO REPORTAGE CON RUOTOLO

(di Angela Majoli) (ANSA) – ROMA, 29 AGO – I nuovi volti di punta, come Francesco Facchinetti al talent Star Academy e Victoria Cabello a Quelli che il calcio. Niente talk show in prima serata, sì all’informazione di seconda serata pronta a sbarcare in prime time. I grandi serial Usa e la musica ancora spine dorsali di un palinsesto che punta ai giovani. Sorprese in arrivo a fine anno, come una serie di monografie sui nostri anchorman, da Santoro a Vespa. E tanti progetti per il 2012, su tutti un programma di reportage di cui si discute con Sandro Ruotolo. Orfana di Michele Santoro e Simona Ventura, la nuova Rai2 di Pasquale D’Alessandro si presenta così al fischio d’inizio d’autunno. “Sarei ipocrita se non dicessi che mi dispiace non aver ritrovato Santoro e la Ventura, due assenze pesanti”, premette D’Alessandro in una conversazione con l’ANSA, rompendo il silenzio operoso in cui ha lavorato – anche ad agosto – da quando il 20 luglio il cda della Rai lo ha nominato alla guida della rete al posto di Massimo Liofredi. “Ma sono stato felicissimo di aver trovato Facchinetti e la Cabello. Li avrei scelti anch’io”. All’ex conduttore di X Factor – transfuga su Sky, come la Ventura – il compito di condurre Star Academy, al via il 27 settembre. “E’ il papà  di tutti i talent, una sorta di Operazione trionfo riveduta e corretta, con esibizioni collettive ed eccellenti ospiti musicali, italiani e stranieri. Ne abbiamo posticipato la partenza perché con Endemol stiamo riflettendo sulla giuria, che avrà  un ruolo diverso rispetto a X Factor”. Tra i nomi in ballo, quello di Lorella Cuccarini. Quelli che il calcio, al via il 18 settembre, potrà  invece contare sulla regia di Paolo Beldì (“un omaggio alla tradizione”) e sulla verve della Cabello. E gli inviati negli stadi “non saranno solo vip, ma anche personaggi non noti”. Se al posto di Annozero il giovedì sera ci sarà  Criminal Minds, Rai2 non avrà  più il talk show in prime time: “L’informazione – sottolinea D’Alessandro – non è solo talk show e in prime time. Penso a una formula più elastica, con l’approfondimento di seconda serata che sbarca in prima nel caso in cui se ne avverta l’urgenza editoriale e intellettuale e l’azienda sia d’accordo, e a un nuovo spazio per i reportage”. E così L’ultima parola di Gianluigi Paragone “esordirà  il 16 settembre con uno speciale di prime time, che lancerà  la nuova edizione”. Pronta al prime time anche La storia siamo noi: “Ho trovato nella rete un cavallo di razza come Giovanni Minoli – sottolinea D’Alessandro – e gli ho chiesto di potenziare l’offerta esistente, in particolare la seconda serata del giovedì. Disponibili però ad approfondimenti di prime time che partano dalla realtà  stringente e insieme guardino indietro”. Per marzo-aprile 2012, D’Alessandro sta “ragionando con Sandro Ruotolo su un nuovo programma seriale di reportage di seconda serata”. Un progetto che potrebbe includere anche Santoro: “Non ci ho parlato. Ma non c’é nessuna preclusione”. Sempre il prossimo anno, il lunedì in seconda serata, partirà  Numbers, “un talk show di economia serio ma non pedante – promette – in cui i numeri, che non sono la verità  assoluta ma sono incontrovertibili, faranno da spunto e da contraltare al dibattito”. L’infaticabile D’Alessandro lavora anche “a un nuovo programma comico: non la classica galleria di sketch alla Zelig, ma un progetto più scritto, che ironizzi sui vizi come l’ossessione per catastrofismo e complottismo”. Non è chiaro se l’Isola dei famosi avrà  un futuro: “Un’ultima edizione, autoironica e autocritica, non mi dispiacerebbe”, dice D’Alessandro. “Ne parleremo con la direzione Intrattenimento di Giancarlo Leone, tavolo qualificato di confronto”. Tra le novità  già  annunciate per l’autunno, il nuovo ciclo di Voyager di Roberto Giacobbo, con il sottotitolo ‘Indagine’ (“avrà  ancora maggiore scientificità “), Delitti rock con Massimo Ghini (“con una puntata in più su Amy Winehouse”), mentre a fine novembre partirà  il mercoledì in seconda serata “un nuovo progetto di Simona Ercolani che, con il linguaggio di Sfide, proporrà  i ritratti dei nostri grandi anchorman, visti anche nei loro duelli celebri con colleghi e politici: da Santoro a Ferrara, da Vespa a Mentana a Floris. Come titolo mi piacerebbe ‘Duel'”. Altri ‘regali di Natale’, “l’8 dicembre il concerto di Andrea Bocelli a Central Park e tre o quattro prime serate monografiche sui grandi della musica italiana e internazionale a cura di Giorgio Verdelli”. Punti di forza del day time restano I fatti vostri (“ho ringraziato Guardì per il al Tg2”) e Italia sul due (anticipato al 12 settembre) “che racconterà  la realtà  con ancora più attenzione ad evitare le morbosità  della cronaca”. D’Alessandro non vuol sentir parlare di obiettivi di share: “Cercherò di aderire il più possibile al target giovane della rete e di puntare alla qualità , che non è ‘di genere’ ma si annida ovunque”. E si schermisce alla domanda sulla spaccatura nel cda che votò la sua nomina: “Non mi occupo di politica, non me ne sono mai occupato. Sono un dipendente della Rai, mi occupo di programmi televisivi e cerco di assolvere con impegno agli incarichi che mi vengono di volta in volta affidati”. (ANSA).