Meloni: la norma anti-blog nel ddl intercettazioni è da modificare

(AGI) – Roma, 26 set. – “Esiste una differenza abissale tra un blog, magari gestito da un ragazzo, un giornale e una televisione. Applicare per entrambi la stessa legge – dichiara il ministro Meloni – e’ sicuramente un errore”. Cosi’ il ministro della Gioventu’, Giorgia Meloni, commenta la norma cosiddetta “ammazza blog” contenuta nel Ddl intercettazioni. “Ben vengano – aggiunge il ministro – le iniziative parlamentari volte a modificare una norma che, cosi’ com’e’, rischia di creare molti problemi”. “La possibilita’ di rettifica – prosegue il ministro Meloni – e’ certamente un principio che garantisce la liberta’ di espressione di tutti, anche di coloro che ritengono di essere stati diffamati. Se pero’ e’ relativamente facile regolare questo meccanismo per i media tradizionali, strutturati e professionali, non si puo’ dire altrettanto per i contenuti diffusi su Internet. Non si tratta di sottrarre il blogger alla responsabilita’ per quello che scrive – conclude il ministro della Gioventu’ – ma di riconoscere la natura della Rete e dei suoi meccanismi di diffusione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)