Internet/ Più acquisti online per chi naviga con i tablet

Uno studio mostra la maggiore propensione al consumo

New York, 28 set. (TMNews) – Prima del 1950, quando è nata la carta di credito, per pagare servivano i contanti. Successivamente, la diffusione di internet ha reso possibile acquistare con un paio di click. E nell’era dei tablet fare shopping è diventato ancora più semplice. Basta sfiorare la tavoletta e il gioco è fatto. Questa evoluzione della modalità  di acquisto sembra giocare a favore dei rivenditori. Le statistiche non lasciano spazio a dubbi: i consumatori che navigano con i tablet comprano di più. Gli acquisti su tablet restano una piccola percentuale rispetto al totale delle vendite generate dall’e-commerce. Ma la situazione sta cambiando velocemente: il rapporto tra il numero di ordini e le visite totali è del 3 per cento per chi compra tramite computer, mentre raggiunge il 4,5 per cento per chi utilizza un tablet. In altri termini, i dati di Sucharita Mulpuru, analista della Forrester Research, mostrano una propensione maggiore a riempire il carrello virtuale per chi naviga con una tavoletta touchscreen. Inoltre, secondo il Wall Street Journal, chi compra tramite tablet bada meno a spese, con ordini superiori dal 10 al 20 per cento rispetto a chi usa un computer. Come Sephora, catena francese di profumerie, che ha registrato un notevole aumento delle vendite via tablet fino a pareggiare gli ordini ricevuti tramite smartphone. Bridget Dolan, vicepresidente della sezione media interattivi della società , spiega così il fenomeno: “Chi si può permettere un tablet è abituato a spendere di più, con qualsiasi dispositivo o metodo di pagamento”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)