EDITORIA: DOPO PROPUBLICA E SPOT US, ECCO ITALIANA TIMU

INCHIESTE COLLETTIVE CITTADINI, C’E’ ‘CERTIFICAZIONE SOCIALE’

(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 1 OTT – L’editoria è in crisi cronica, la spesa si contrae e i contenuti rischiano d’impoverirsi, ma una bella ventata d’aria fresca arriva dai siti di inchieste collettive. Una forma di giornalismo a cui partecipano i cittadini – già  sperimentata negli Stati Uniti in maniera diversa da Spot Us e ProPublica, vincitore di diversi Pulitzer – che ora ha una sua piattaforma tutta italiana e tutta nuova. Si chiama ‘Timu’ e mette insieme cittadini, associazioni e comunità  che desiderano contribuire all’informazione come se fossero una squadra, un ‘team’, questo il significato della parola timu in swahili. L’iniziativa è di Ahref, la fondazione nata a Trento nel 2010 con lo scopo di fare ricerca sulla qualità  dell’informazione nell’epoca del web 2.0. “Timu è aperto a tutti i cittadini che vogliono partecipare a patto che si sposino i principi del progetto che sono accuratezza, imparzialità , indipendenza, legalità . Ma pure alle organizzazioni che vogliono finanziare le inchieste”, spiega Luca De Biase, presidente di ahref, ma anche scrittore, blogger, giornalista (é editorialista di Nova 24, l’inserto dedicato alle tecnologie del Sole 24 Ore). L’obiettivo di ‘Timu’ é, dunque, quello di costruire un metodo condiviso. Se si parte dal principio, infatti, che l’informazione non è più solo il prodotto di un professionista o di una redazione ma diventa anche una pratica diffusa allora serve una procedura codificata e accettata da tutti per produrre informazione di qualità . “Possono partecipare anche i blog mentre le grandi testate sono libere di prendere i contenuti delle inchieste ovviamente citando la fonte”, aggiunge De Biase sottolineando che il progetto non ha fini di lucro, “ci sono già  230 persone che stanno contribuendo ed è partito il pilota di una grande inchiesta sulla dispersione scolastica nel Mezzogiorno”, finanziata dalla Fondazione ‘Con il Sud’. Ma ‘Timu’ sta lavorando anche ad un’inchiesta multimediale con foto e video per ‘Falling Walls’, l’associazione tedesca che in ricordo della caduta del Muro di Berlino raccoglie materiale sugli altri muri del mondo che devono cadere. Per contribuire alle inchieste basta iscriversi a https://timu-it.ahref.eu/ e creare un proprio profilo personale. Per rimarcare il concetto di veridicità , su ‘Timu’ ci saranno tracce della propria reputazione, “una sorta di certificazione sociale”, sottolinea De Biase. Un concetto importante in tempi in cui i contenuti più disparati vanno su Internet e si hanno spesso pregiudizi e perplessità  sui media sociali. “I giornali sulle prime si sono rivoltati contro il citizen journalism ma ora hanno capito che devono abbracciare le nuove tecnologie e quindi siamo in una fase di relazione costruttiva cittadini-giornali. Anche perché il rapporto tra giornali e cittadini c’é sempre stato, sono solo cambiati i mezzi – osserva De Biase -. E’ molto sano che i media tradizionali abbiano una concorrenza strutturale, la stampa ha una funzione precisa che recupererà  quando sarà  superata la crisi. La quadra – conclude De Biase – la troverà  quando si renderà  indipendente dalla pubblicità , che ai siti frutta solo sui grandi volumi. Bisognerebbe cercare degli sponsor o iniziare a far pagare le news. Gli utenti e i lettori, ad esempio, sono sicuramente disposti a pagare per contenuti specifici, esclusivi e di valore come le inchieste”. Oltre a ‘Timu’, ahref sta sviluppando altri progetti come ‘mitolab’ che coniuga nuove forme di narrazione con strumenti digitali e ‘Wavu’ un aggregatore che riunisce fonti sul web per contribuire alla discussione sulla qualità  dell’informazione. La Fondazione ha nel proprio board sceintifico Paul Steiger, già  a capo del WSJ e ora responsabile di ProPublica, David Weinberger, guru del marketing su Internet e Joichi Ito, anima di Creative Commons e direttore del Medialab del Mit.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)