Tv/Ascolti: Rai, prime time alla fiction ‘Il segreto dell’acqua’

(AGI) – Roma, 3 ott. – L’ultimo appuntamento con la fiction di Rai1 ‘Il segreto dell’acqua’ trasmessa ieri ha stravinto il prime time con 3 milioni 683mila spettatori e uno share del 15.39%. La serata televisiva prevedeva su Rai2 un episodio del telefilm ‘N.C.I.S’ che ha raggiunto 2 milioni 935mila spettatori e share del 10.61% e uno di ‘Hawaii five-0’ con 2 milioni 947mila e l’11.13%. Su Rai3 ‘Che tempo che fa’ ha raggiunto 3 milioni 671mila spettatori e uno share del 13.78% e a seguire ‘Presa Diretta’ ha totalizzato 2 milioni 465mila e il 10.45%. In seconda serata ‘La domenica sportiva’ è stato il programma più visto con un milione 983mila spettatori e share del 14.52%. La pagina sportiva di ieri prevedeva sempre su Rai2 alle 17.15 ‘Stadio sprint’ con un milione 277mila spettatori e uno share dell’11.42% e a seguire ‘Novantesimo minuto’ con un milione 864mila e il 14.17%. Molto bene nel pomeriggio su Rai3 ‘In mezz’ora’ che ha registrato 1 milione 902mila spettatori e uno share dell’11.96% e su Rai2 ‘Quelli che il calcio’ con 1 milione 642mila e il 12.34%. Vittoria delle reti Rai in prima serata con 10 milioni 984mila spettatori e uno share del 41.23%; in seconda serata con 4 milioni 51 mila e il 40.18% e nell’intera giornata con 4 milioni 196mila e il 39.14%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi