MEREDITH: DAILY MAIL APRE INCHIESTA SU ERRORE SITO ONLINE

(ANSA) – LONDRA, 4 OTT – Il Daily Mail ha lanciato un’inchiesta interna sulla pubblicazione a caldo sul sito online di un pezzo che dava Amanda Knox e Raffaele Sollecito condannati in appello e rispediti nei rispettivi carceri sotto osservazione per rischio suicidio. Lo stesso errore è stato fatto ieri sera dal sito web del Sun, SkyNews e dalla ‘diretta’ online del Guardian, ma l’errore del Mail, indotto dal primo “colpevole per diffamazione” pronunciato dal giudice, è saltato di più agli occhi perché il tabloid aveva pronto, e ha mandato in rete, un intero articolo ‘precotto’ completo di citazioni di magistrati in anonimato con l’esito del ricorso in appello. Sotto il titolo “Colpevole: Amanda Knox sbalordita mentre il suo appello è respinto”, il pezzo del Mail online riportava che la Knox “é crollata sulla sedia piangendo senza controllo mentre famiglia e amici si abbracciavano in lacrime”. Dopo il verdetto, proseguiva il giornale digitale, “Knox e Sollecito sono stati portati fuori di prigione sotto scorta di poliziotti e ricondotti a Capanne e a Terni: entrambi saranno messi sotto osservazione contro il rischio suicidio per i prossimi giorni”. Veniva quindi citato un procuratore che diceva che “giustizia è stata fatta” ma aggiungeva che “come fattore umano è triste che due giovani persone avrebbero dovuto passare tanti anni in carcere”. Un portavoce del Mail ha detto che l’articolo sbagliato è rimasto online per soli 90 secondi: abbastanza però per essere individuato dai vigilantes della rete. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)