Nuovo palinsesto e nuovo look per Telearena

VERONA (ITALPRESS) – Da oggi Telearena, l’emittente veronese del Gruppo Editorale Athesis, cambia volto e avvia un processo di rinnovamento di un media locale avvenuto negli ultimi anni in Italia, inaugurando la seconda fase del percorso intrapreso dal Gruppo lo scorso autunno, con lo switch off al digitale terrestre, percorso che tra oggi e gennaio vedra’ l’applicazione del nuovo modello anche alle altre emittenti: Brescia Punto TV e Telemantova. “Il Gruppo Athesis ha affrontato la sfida del digitale con lungimiranza e determinazione e con l’obbiettivo di trasformarsi in una multimedia publishing company di prossimita’ capace di offrire ai suoi gruppi d’ascolto – cittadini, istituzioni, imprese, societa’ civile – una piattaforma multimediale, dalla carta stampa alla tv, dal web alla radio, nella quale identificarsi e rispecchiarsi in quanto comunita’. L’obiettivo e’ quello di valorizzare, promuovere e servire il territorio e i suoi attori”, dichiara Alessandro Zelger, amministratore delegato del Gruppo Editoriale Athesis. L’idea dalla quale muove il progetto e’ quella di un nuovo modello di tv locale, quello di essere un canale tematico di territorio, locale, localissimo e fatto con un livello qualitativo alto, come accade all’estero, per esempio negli Stati Uniti, in Francia e in Inghilterra.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi