AVVENIRE: SU AMANDA E ESCORT CIRCO MEDIATICO FUORI CONTROLLO

(AGI) – CdV, 5 ott. – “Se si misurasse aritmeticamente lo spazio occupato dai titoli su Amanda e su Barletta si vedrebbe che la prima vince quattro a uno e anche di piu”. Lo rileva Avvenire in un editoriale pubblicato in prima pagina con un suggestivo “Titoli a picco”. “Del resto – argomenta Marina Corradi, firma di punta del giornale Cei – anche le dieci pagine di sbobinatura di intercettazioni su escort e festini che ultimamente occupavano quotidianamente molti quotidiani, davvero, nella dovizia di particolari, rispondevano solo a un dovere di cronaca? Oppure soddisfare tutte le curiosita’ dei lettori rende, o da questa illusione, in termini di tiratura?”. Per Avvenire, insomma, “il circo mediatico a volte va fuori controllo”, e lo fa “per soddisfare la domanda (vera e indotta) del mercato”. Ma di certo “ci si puo’ domandare che Paese e’, quello in cui una sciagura che mescola irregolarita’ edilizie, inadempienze di controlli e lavoro in nero, e fa cinque morti, interessa tanto di meno del destino di una bella ragazza e del suo amico, in primo grado condannati per un omicidio terribile, e a torto o a ragione diventati quasi dei foschi eroi, nella penombra di incertezza che tuttora avvolge cio’ che veramente avvenne quella notte, a Perugia”. “Parlando di sistema mediatico, finiamo col parlare – rileva pero’ il quotidiano cattolico – anche di chi giustifica e alimenta certe logiche. Perche’ ad Amanda i titoli di apertura e per quattro donne morte lavorando e per la giovanissima Maria un titoletto basso o anche niente? Forse perche’ l’omicidio di Perugia, gia’ assurdo e strabiliante nei suoi dati, tanto e’ stato sezionato e romanzato da diventare agli occhi di chi legge un feuilletton nero, piu’ estremo di ogni immaginazione, e dunque in fondo percepito come irreale. Come Avetrana, con quel Michele Misseri che ora in tv chiamano amabilmente ‘zio’, come uno di casa; come se anche Sarah Scazzi fosse fiction, e non fosse morta per davvero”. “Non e’ – conclude l’articolo – che vogliamo fare moralismi. E’ che ci preoccupa, e quasi ci spaventa, un Paese in cui un delitto con una bella imputata diventa fiction e titolo cubitale, e un’amara sciagura di case mal costruite e burocrazia polverosa e cinque morti non interessa, o interessa molto meno. Ci preoccupa, come preoccuperebbe un amico che si isolasse davanti alla tv, ignorando che in casa il lavoro manca, l’affitto e’ in arretrato e i figli fanno tutte le notti le tre. E la realta’? E la volonta’, e la fatica per cambiarla? A volte, sgradevole e insistente, ci afferra il pensiero che quella crisi morale che sempre addebitiamo solo alla politica, alla finanza, alle varie “gerarchie”, in realta’ tocchi anche, nel profondo, noi”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo