Rai/Milana:Ascolti ai minimi storici, Dg intervenga drasticamente

Raiuno ha perso un milione di telespettatori in un anno

Roma, 6 ott. (TMNews) – “Di fronte alla inarrestabile discesa degli ascolti Rai, ormai ai minimi storici, ci aspettiamo un intervento urgente e drastico da parte del Direttore Generale Lorenza Lei, in quanto non possiamo permettere che l`Azienda pubblica venga depauperata fino a questo punto”. Lo dichiara, in una nota, il senatore di Api Riccardo Milana, membro della Commissione di Vigilanza Rai. “Siamo spesso intervenuti sui preoccupanti dati di ascolto del Tg1 diretto da Minzolini – prosegue il senatore di Alleanza per l`Italia – ma il problema purtroppo non è circoscritto al telegiornale della rete ammiraglia, bensì riguarda la quasi totale programmazione della Rai, e in particolare di Rai Uno, che ha perso un milione di telespettatori rispetto all`anno scorso, e Rai Due, che ne ha perso quasi mezzo milione”. “Si tratta di numeri che fotografano un declino senza fine degli ascolti delle reti Rai e che è indubbiamente frutto di politiche aziendali letteralmente fallimentari come, ad esempio, quelle di disfarsi, per evidenti ragioni politiche, di programmi di successo. Per questa ragione – conclude Milana – è doveroso un intervento deciso da parte del Direttore Generale nel tentativo di far risalire l`Azienda pubblica, oltre che negli ascolti, anche nell`immagine e nella credibilità “.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi