EDITORIA: SIDDI, IMPOSTA PUBBLICITA’ TV PER GIORNALI VIRTUOSI

MA STOP PREMI A DIRIGENTI DI GIORNALI CHE SFRUTTANO GIORNALISTI

(ANSA) – FIRENZE, 8 OTT – Fissare un’aliquota di tassazione sulla pubblicità  televisiva da destinare alle aziende editrici di quotidiani purché la impieghino per lo sviluppo dell’occupazione giornalistica. E’ la proposta lanciata dal segretario generale della Fnsi Franco Siddi, intervenuto ad una tavola rotonda nel corso del convegno “Giornalisti e giornalismi”, organizzato a Firenze dall’Ordine nazionale dei giornalisti e dedicato alla questione del precariato. “L’idea – ha spiegato Siddi – è nata nel corso di un seminario organizzato dalla federazione sulle questioni del precariato a livello europeo”. “Non c’é più tempo, ora c’é esasperazione”, ha detto Siddi riferendosi alla situazione di precari. “Quello che chiediamo ai colleghi garantiti è la solidarietà  e agli editori responsabilità . Sappiamo che non è possibile avere centomila assunzioni, ma adesso c’é bisogno di chiarezza e di accelerare, ma è anche il momento di cessare di creare l’illusione che sia posto per tutti”. “Non accetteremo – ha poi detto Siddi rivolto al presidente della Fieg Carlo Malinconico – che ci siano aziende editoriali nelle quali si continua a pagare un euro o mezzo euro ad articolo e, contemporaneamente, erogano premi di produzione altissimi ai loro dirigenti”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi