LIBRI: SI PRESENTA A TEHERAN CASA EDITRICE LETTERATURA IRAN

SCRITTORE MASTUR, IRANIANI PIU’ ATTENTI A CULTURA ITALIANA

(ANSA) – TEHERAN, 10 OTT – Il pubblico iraniano conosce e vuole approfondire la letteratura e il cinema italiani più di quanto accada in Italia con la cultura iraniana, penalizzata da immagini stereotipate e da mass media che non riflettono “la nostra individualita”. Ne è convinto lo scrittore iraniano Mostafa Mastur, fra i protagonisti a Teheran di un’affollata presentazione di Ponte33, casa editrice che vuole far conoscere in Italia la letteratura contemporanea in lingua persiana. “Siamo sempre visti come ‘altri’, anche quando veniamo lodati, e questo non è piacevole”, ha osservato Mastur, autore di “Osso di maiale e mani di lebbroso”. Anche se, ha osservato con riferimento alla storia millenaria del suo Paese, “anche noi abbiamo fatto questo errore in passato”. Ma il pubblico iraniano, ha assicurato lo scrittore, “é molto aperto verso la cultura italiana, conosce Moravia e Calvino”, e anche se alcune opere sono tagliate dalla censura, ha aggiunto, ne rimane comunque la “potenza” del messaggio. Così come accade, ha sottolineato, anche con quelle opere iraniane soggette alla censura di alcune parti, ma che non per questo perdono quel senso “di depressione, sconfitta e disperazione” che domina da sempre, secondo lo scrittore, nei sentimenti del popolo iraniano. All’incontro, seguito ieri sera da un pubblico che ha fatto numerose domande, hanno partecipato anche la scrittrice iraniana Fariba Vafi (autrice di ‘Come un uccello in volo’) e Felicetta Ferraro, già  addetto culturale dell’ambasciata d’Italia a Teheran e promotrice del progetto editoriale insieme a Bianca Maria Filippini e Irene Chellini. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo