TV:SU SITO SANTORO 245MILA VISITATORI,’RISPOSTA TRAVOLGENTE’

‘DONATI 210MILA EURO SU PAYPAL,PUNTIAMO A 50MILA SOTTOSCRITTORI’

(ANSA) – ROMA, 11 OTT – Nelle sue prime 48 ore di vita, l’Associazione Servizio Pubblico, lanciata da Michele Santoro nell’ambito del progetto per il nuovo programma ‘Comizi d’amore’ al via il 3 novembre, ha raccolto 210 mila euro solo su Paypal, i visitatori unici del sito sono 245mila e le visualizzazioni 440mila. Lo rende noto Giulia Innocenzi, che era accanto a Santoro nella passata edizione di Annozero, in un video pubblicato sulla pagina web dell’associazione, di cui è presidente. “La risposta del pubblico è travolgente – conferma Michele Santoro in un’intervista ad Articolo21 – Chiediamo a tutti 10 euro. Di sicuro apriremo una crepa molto profonda nel sistema televisivo. Il potere politico ed economico di Silvio Berlusconi – prosegue – è talmente grande che potrebbe inventarsi qualsiasi sgambetto. Ma non credo che eventuali tiri mancini siano destinati ad avere successo”. “La squadra è unita – conclude – Marco Travaglio, Vauro, Giulia Innocenzi. E speriamo di avere Sandro Ruotolo con noi al più presto”. Oggi hanno aderito all’iniziativa di Santoro il leader di Sinistra e Libertà  Nichi Vendola, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il portavoce di Articolo 21 Beppe Giulietti, oltre a tutti i dodici senatori dell’Idv. Il consigliere Rai Nino Rizzo Nervo ha invece chiesto all’azienda pubblica di acquistare i diritti di ‘Comizi d’amoré e di mandare in onda la trasmissione. “Grazie, grazie, grazie – dice Giulia Innocenzi nel video -. Ancora non siamo in grado di stabilire quanti di voi hanno donato, ma nelle prime 48 ore solo su Paypal abbiamo raggiunto i 210 mila euro. Le donazioni complessive sono quindi molte di più e domani ve le comunicheremo. Sul nostro sito abbiamo avuto 245mila visitatori unici e 440 mila visualizzazioni. Su Facebook abbiamo 36mila fan e su Twitter 2.500 follower. Se questi sono i numeri iniziali non potremmo che essere tanti di più”. “Le vostre quote – prosegue la Innocenzi – non sono semplici donazioni, oppure elemosina come ha detto qualcuno. Le vostre quote saranno trasformate in azionariato collettivo e ve ne daremo conto passo passo. Se partecipando tutti insieme a questo progetto raggiungeremo il successo, riusciremo a sconfiggere il monopolio che oggi attanaglia la nostra televisione. Puntiamo ad avere 50mila sottoscrittori – aggiunge la Innocenzi -, ma cosa succederebbe se fossimo ancora di più? Chi è che ci potrebbe fermare?”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)