INTERNET: IAB, NEL 2012 PUBBLICITA’ SUPERERA’ CARTA STAMPATA

INVESTIMENTI CRESCONO A LIVELLO 1,2 MLD NONOSTANTE LA CRISI

(ANSA) – MILANO, 12 OTT – Nel 2012 anche in Italia, come avviene ad esempio già  negli Usa, internet diventerà  il secondo mezzo dopo la televisione per volume di investimenti pubblicitari, superando la carta stampata. Sono queste le previsioni di Iab Italia. L’associazione rappresenta gli operatori della comunicazione digitale e organizza a Milano lo Iab Forum, che oggi e domani punta i riflettori sul settore al centro congressi MiCo, nel quartiere di Fieramilanocity. “Oggi – spiega Salvatore Ippolito, presidente vicario dell’associazione – il mercato pubblicitario su internet rappresenta il 14% del totale. Nel 2006 era appena il 4%”. A fine anno gli investimenti raggiungeranno 1,2 miliardi di euro, con una crescita del 15% rispetto all’anno scorso. A trainare questo incremento, spiega Ippolito, sono sia l’aumento dell’investimento medio, sia quello delle aziende inserzioniste, cresciute quest’anno del 27%. Un settore, insomma, che sembra immune dalla crisi, visto che il mercato pubblicitario nel suo complesso ha registrato un calo del 3%. Nonostante questi dati, e nonostante il numero di utenti internet sia in continua crescita e sfiori i 30 milioni, la internet economy vale il 2% del Pil, la metà  rispetto alla media europea. “Ci sono ancora cose da fare – afferma Ippolito -: investire in formazione e infrastrutture”. In ogni caso, secondo gli operatori, la crescita del settore é un fenomeno inarrestabile e nel 2015, emerge dalle previsioni di Iab, la internet economy varrà  il 4% del Pil, ci saranno 35 milioni di utenti e la pubblicità  varrà  2 miliardi di euro.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro