Diritti tv calcio: per Cellino, c’è buona volontà  ma idee poco chiare

MILANO (MF-DJ) – “I lavori riflettono la situazione generale dell’Italia: un po’ di incertezza e un po’ di sbandamento. C’e’ della buona volonta’ ma non ci sono idee chiare”. Cosi’ il presidente del Cagliari, Massimo Cellino, uscendo dalla sede della Lega Calcio di Serie A, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano come stesse andando l’assemblea che si e’ riunita per discutere della ripartizione delle risorse audiovisive delle stagioni 2010/2011, 2011/2012 e quelle a partire dalla stagione 2012/2013. “Se e’ finita? Non e’ mai cominciata”, ha detto ancora Cellino che ritiene eccessivo il peso economico dei diritti televisivi sul bilancio delle societa’. “Le tv ci stanno mantenendo in piedi, ma se si ammala il presidente di un’emittente siamo finiti. Le tv stanno creando istericamente un prodotto sempre piu’ ricercato e la miniera rischia di esaurirsi: bisogna cercare nuove materie prime. Merchandising e stadi di proprieta’ sarebbero entrate da sviluppare” per bilanciare lo strapotere dei diritti tv.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi