Apple: Negli Stati Uniti escono iOS 5 e iCloud, presto in Italia

New York, 12 ott. (TMNews) – A mezzanotte, circa le sei di giovedì mattina in Italia, debuttano il sistema operativo iOS 5 e iCloud, un servizio di archiviazione remoto nella ‘nuvola’, cloud in inglese, che permetterà  di sincronizzare diversi dispositivi Apple senza bisogno di cavi. Per il debutto in Italia, secondo indiscrezioni diffuse sul web, occorre aspettare la fine del mese. L’azienda di Cupertino punta così a consolidare ancora di più il rapporto con i suoi fedeli e aumentare le vendite che, secondo gli analisti interrogati da Bloomberg, incrementeranno il valore di mercato della società  di 100 miliardi di dollari, sorpassando i 500 miliardi di dollari. I dettagli tecnici di iCloud, presentato il 6 giugno durante l’ultima apparizione pubblica di Steve Jobs, sono stati ricordati durante la conferenza Let’s talk iPhone dello scorso 4 ottobre, in occasione del debutto del nuovo iPhone 4S. Con la versione gratuita della `nuvola’ di Apple sarà  possibile archiviare fino a 5 gigabyte di applicazioni, video, canzoni, documenti ma anche contatti ed email. Oltre a salvare i file, sarà  possibile effettuare il backup di iPhone, iPod ed iPad in modo veloce e sicuro. La nuova cronologia acquisti, inoltre, consentirà  inoltre di recuperare più facilmente i brani musicali, i film o le applicazioni scaricate nel tempo e non più presenti sul dispositivo stesso. L’azienda di Cupertino, nel frattempo, ha lanciato ieri l’ultimo aggiornamento di iTunes – il programma di Apple per gestire i file multimediali – che ha raggiunto così la versione 10.5. Il titolo di Apple reagisce positivamente, in rialzo dell’1,5 per cento a metà  della giornata americana.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)